ADDITIVES FOR BITUMINOUS CONGLOMERATES

Produzione di asfalto – Processo migliorato

Produzione di asfalto –
Processo comune

1. Processo termico in raffineria

Bitume stradale + polimero = bitume polimerizzato

2. Processo termico nella base di asfalto

BITUME POLIMERIZZATO + aggregato = ASFALTO

Produzione di asfalto –
Processo migliorato

1. Processo termico in base d’asfalto

Bitume per strade + POLIMERO PB25 + aggregato = ASFALTO

L’intero processo di produzione dell’asfalto avviene in un unico luogo, con l’utilizzo del normale bitume stradale (invece del bitume polimerizzato), con notevoli vantaggi:

 – Approvvigionamento e stoccaggio semplificati del bitume;
 – La produzione non dipende dalla produzione di bitume in raffineria;
 – Nessun costo per mantenere il bitume in forma liquida;
 – Non vi è alcun rischio di deterioramento del bitume acquistato a causa del ritardato asfaltamento causato dal maltempo.

La rivoluzione è stata resa possibile da Polymer PB25

Il polimero PB25 è un plastificante ecologico a base di poliolefine come PELD (polietilene a bassa densità) e PP (polipropilene). Durante il processo chimico con bitume e aggregato, crea una propria struttura a rete all’interno dell’asfalto e quindi lo rende più forte. Contiene cera naturale, che protegge l’asfalto dalle intemperie e ne prolunga la durata.

Può essere utilizzato per tutte le miscele di asfalto: base, legante e abbazia. La forma dei fiocchi permette una facile dispersione e miscelazione alle normali temperature di produzione. Occorrono 20 secondi per fondere il polimero a una temperatura minima di 160 ° C (in modo ottimale 170 ° C)

Viene addizionato con dosatore automatico, direttamente in betoniera durante la produzione della miscela bituminosa, nella quantità dello 0,25% negli strati bituminosi superiori e dello 0,30% negli strati portanti.

Test e qualità dell’asfalto con polimero PB25

Il polimero PB25 ha superato numerosi test:
Università di Bologna (Italia);
Università di Cosenza (Italia);
GeRoad Laboratory (Italia);

OPINIONE

Sulla base dei risultati delle prove di laboratorio delle miscele di asfalto AB11, confrontando la miscela di asfalto con bitume standard per strade BIT 60 (B 50/70) e la miscela con l’aggiunta di scaglie di polimero PB25, si può concludere che l’aggiunta dello 0,3% polimero la miscela di asfalto ottiene i seguenti miglioramenti:

  • aumentare la stabilità e il rapporto tra stabilità e flusso secondo Marshall per approssimativamente le stesse caratteristiche volumetriche della miscela di asfalto,
  • aumento del modulo dinamico di rigidità della miscela asfaltica del 18%,
  • aumentare la resistenza della miscela di asfalto alla deformazione permanente (resistenza delle strade) del 45%,.
  • aumentare la resistenza alla trazione della miscela di asfalto del 10%,
  • maggiore resistenza alla trazione indiretta e minore riduzione della resistenza alla trazione indiretta dal 16,7% al 12,0%, miscele di asfalto dopo l’azione dell’acqua.

In pratica, con l’utilizzo di questo polimero, tra gli altri, si costruiscono:

  •  Verona Airport (Italy);
  •  Treviso Airport (Italy);
  • Champino Military Airport (Italy);
  •  Arad-Deva Highway (Romania);
  • Rovigo-Verona Highway (Italy);
  •  Padua Bypass (Italy);
  •  Heavy Vehicle Logistics Center Amazon (Italy).

Il costo della rivoluzione

Le nuove tecnologie avanzate sono generalmente più costose, ma non nel caso del polimero PB25. Durante la normale produzione di asfalto AB11S (bitume al 5,7%), vengono utilizzati 57 kg di bitume polimero per 1 tonnellata di aggregato. Quando si utilizza il polimero PB25 per la produzione di asfalto AB11S (bitume al 5,7%), vengono consumati 57 kg di bitume ordinario per 1 tonnellata di aggregato, con 3 kg di polimero consumati.

Е escludendo i risparmi ottenuti mantenendo il bitume polimerizzato allo stato liquido, si ottengono risparmi diretti durante la produzione dell’asfalto. Per un calcolo accurato del risparmio, così come per qualsiasi altra domanda, potete contattarci tramite e-mail o telefonicamente.

Producendo asfalto secondo questo nuovo principio, si ottiene un risparmio diretto di ogni tonnellata.

Produzione di asfalto – Processo migliorato